dischi

Dischi

OONA REA
First Name Oona

ACQUISTA

Oona è un nome proprio femminile. È l’anglicizzazione del nome irlandese Úna, da scrivere rigorosamente con l’accento sulla u.
Oona è Úna. Una voce che ti ipnotizza con una cantilena dolce e poi ti scuote con vertigini imprevedibili. Una melodia indolente che ti culla e poi ti trascina in un groove morbido a cui non puoi resistere. Oona gioca con la voce e con le parole. Con la lingua italiana e con quella inglese. Oona scrive un verso e poi cambia idea, perché è tutto in movimento e tu puoi viaggiare con lei. Oona è funk, oppure è jazz, oppure è bossa, oppure è pop. Oppure non le importa, perché con lei il gioco dei generi non attacca. Li conosce tutti e li frulla insieme per proporti una musica Única e peculiare.

“First Name Oona” è il primo disco di Oona Rea (Jandomusic/Via Veneto Jazz), con nove canzoni che ti piacciono perché ti avvolgono prima che tu possa accorgertene. Oona ha scritto tutti i testi e ha composto le musiche con Luigi Masciari, che ha anche suonato la chitarra e curato gli arrangiamenti. E poi ha fatto suonare le nove canzoni ad Alfredo Paixão, che ci ha messo un basso, e ad Alessandro Marzi, che ha aggiunto una batteria. Ogni tanto è andato a trovarli in studio anche Danilo Rea, che ha suonato un pianoforte qui e là.
“First Name Oona” è un disco sornione, che ti scorre sottopelle, che ti gira nelle orecchie, che ammicca e ti chiede di premere ancora “play”. Almeno Úna volta.

 

JULIAN OLIVER MAZZARIELLO
Debut

Julian Oliver Mazzariello piano
André Ceccarelli batteria
Rémi Vignolo contrabbasso

ACQUISTA

Quanti dischi avete di Julian Oliver Mazzariello? Pensateci. Probabilmente farete fatica a rispondere. Magari la vostra memoria non riuscirà a risalire al numero preciso, ma sarete certi di trovarne qualcuno nella vostra collezione musicale. D’altronde quel tocco sul pianoforte è inconfondibile, quell’eleganza si riconosce alle prime note, è impossibile dimenticare quel nome così particolare, così anglo-partenopeo.

Ma la verità è che no, di Julian non avete nessun disco. Perché Julian ha prestato la sua arte a tanti colleghi musicisti, ma non aveva ancora preso la decisione di esporsi in prima persona, come leader di una formazione.

Dischi magnifici in duo con Fabrizio Bosso (col quale ha condiviso varie avventure musicali), con il gruppo Yatra di Enzo Pietropaoli (sempre per Jando Music/Via Veneto Jazz) o come fiancheggiatore di Lucio Dalla, Stefano Di Battista, Maria Pia de Vito, Edoardo De Crescenzo o Fabio Concato, ma “Dèbut” – in uscita in autunno 2018 per Jando Music e Via Veneto Jazz - è la sua prima prova da solista. E finalmente abbiamo l’occasione e l’opportunità di ascoltare Mazzariello in tutta la sua fantasia creativa e compositiva: groove, swing, tecnica sopraffina, in un percorso tra stili diversi affrontati con grande consapevolezza. Che siano ballate (“Monk in Paris”, “J’s Ballad”) o brani più groovy (“Funky chunks”) o morbidi blues (“Modal blues”), il pianista guida con maestria l’eccezionale trio che si completa con André Ceccarelli alla batteria e Rémi Vignolo al contrabbasso. Sette composizioni originali e due “standard” della canzone: la “Accarezzame” di Pino Calvi (già interpretata da Roberto Murolo, Peppino Di Capri, Renzo Arbore e tanti altri) e “Que reste-t-il de nos amours?”, capolavoro di Charles Trenet. 

Ora avete un dubbio in meno e un bel disco in più. Buon ascolto!

 

TanoTrio feat.  Leo Genovese
Close but far

LEO GENOVESE (ARG) - piano
DANIELE GERMANI (ITA) - alto sax
STEFANO BATTAGLIA (ITA) - double bass
JUAN CHIAVASSA (ARG) - drums

ACQUISTA

Il TanoTrio è una formazione nata nel 2016 al Berklee College Of Music di Boston (USA), composta da Daniele Germani ai sassofoni, Stefano Battaglia al contrabasso e Juan Chiavassa (Argentina) alla batteria. Il trio propone un jazz dalla forte influenza melodica e chiara è la contaminazione da parte del Free Jazz e della musica contemporanea Europea e Americana. Il trio è fortemente influenzato dal gruppo di sede a Boston “the Fringe” di George Garzone. Il repertorio del TanoTrio presenta brani originali e standard della tradizione jazzistica, che spaziano da John Coltrane, Wayne Shorter, Ornette Coleman, Thelonious Monk al giorno d'oggi. La risultante è un continuo susseguirsi di armonie, melodie e giochi ritmici che possono confluire in temi, canovacci prestabiliti o dare vita a vere e proprie composizioni estemporanee. Il Tano Trio sta per pubblicare con Jando Music e Via Veneto Jazz un album registrato a NY con uno dei talenti più luminosi della scena jazzistica newyorkese, il pianista Leo Genovese (Argentina). Nell’estate 2018 il trio sarà in Tour in Europa con le loro più grandi influenze musicali: George Garzone al sax tenore e soprano e Leo Genovese al piano e sassofoni. La particolarità del gruppo sara quella di avere due componenti italiani, due componenti argentini discendenti da radici italiane e George Garzone, anch'esso dalle orgini italo-americane: sarà una grande combinazione di suoni e nuova energia!

FABRIZIO SFERRA e COSTANZA ALEGIANI
Grace in Town

COSTANZA ALEGIANI vocals
FABRIZIO SFERRA vocals, electronics production, drums
ALESSANDRO GWIS piano, keyboards, live electronics
FRANCESCO DIODATI electric guitar
FRANCESCO PONTICELLI bass
FEDERICO SCETTRI drums

ACQUISTA

Grace in Town è un progetto di canzoni originali, nato dall'incontro tra Fabrizio Sferra, compositore delle musiche e qui anche nella versione inedita di cantante, e Costanza Alegiani, cantante e autrice dei testi in inglese.

Nei brani di Grace in Town si può riscontrare una varietà di influenze e suggestioni, provenienti naturalmente dalla stratificazione di esperienze e ascolti maturati da Sferra nel corso dei decenni (dalla musica italiana pop e d'autore alla grande Opera, dal rock progressive inglese alla canzone americana nelle sue diverse declinazioni).
Il nome del progetto, "Grace in Town", che coincide con il titolo del disco d'esordio, vuole sicuramente chiamare in causa un'idea di grazia e 'classicità' che pervade gli elementi compositivi ed interpretativi, calata in un contesto di sound contemporaneo.
Infatti nelle canzoni del disco il rock di matrice anglosassone e il pop raffinato si sposano con il carattere espressivo dell’elettronica, sviluppata attraverso un lungo lavoro di pre e post produzione e di ricerca sul suono.
L'effetto, amplificato altresì da un consistente uso delle voci, è di una musica corale, dal forte impatto emotivo, realizzata con la collaborazione di una band di eccellenza, composta da musicisti versatili e creativi, affermati protagonisti dell’area jazz contemporanea.
 
Credits
COSTANZA ALEGIANI vocals FABRIZIO SFERRA vocals, electronics production, drums (on tracks 2-5-6-8-9-10) ALESSANDRO GWIS piano, keyboards, live electronics FRANCESCO DIODATI electric guitar FRANCESCO PONTICELLI bass FEDERICO SCETTRI drums (on tracks 1-2-4-5--7-9)
 
TRACK LIST
  1. Glittering eyes
  2. In the mood for Annie
  3. Three lives before my end
  4. Phoenix
  5. Try me out
  6. The visit
  7. Upon the river
  8. My new dance
  9. Sylvan tales
  10. Watching you pass by
All songs written by Fabrizio Sferra, Lyrics by Costanza Alegiani, except track 10, music by Fabrizio Sferra and lyrics by Sarah Victoria Barberis and Costanza Alegiani
Arrangements by Fabrizio Sferra and Costanza Alegiani
Additional musicians: Fernando Pantini guitars on tracks 1, 9 Marco Siniscalco bass on tracks 1, 9
Recorded in May, July and September 2017 by Giacomo DeCaterini at Auditorium Parco della Musica, Rome
Recording assistants: Luca Padovano and Dario Pagliari Editing and Mixing by Giacomo DeCaterini at Auditorium Parco della Musica in Rome Editing assistant: Andrea Monaco Mastering by Massimiliano Cervini at Auditorium Parco della Musica in Rome Producer: Roberto Catucci Assistant producer: Irene Tiberi Photos by Andrea Boccalini Graphic Design by Riccardo Gola Produced by Fondazione Musica per Roma, Jando Music, Parco della Musica Records

 

Enzo Pietropaoli Wire Trio
Woodstock Reloaded

Enzo Pietropaoli - basso elettrico
Enrico Zanisi - pianoforte / tastiere
Alessandro Paternesi – batteria

ACQUISTA RASSEGNA STAMPA

Si tratta di un nuovo inedito progetto di Enzo Pietropaoli che ha deciso di riproporre in chiave contemporanea alcune tra le pagine più significative di un evento epocale e irripetibile come quello che nell’agosto 1969 ha rappresentato l’apice della cultura hippie, e non solo nella sua accezione musicale.

“WOODSTOCK RELOADED” non vuole essere solo una proposta di “cover” ma una rilettura originale, appunto una sorta di “aggiornamento” di quelle lontane emozioni che tenga in considerazione tutto ciò che è successo in musica da allora; una sorta di contenitore all’interno del quale si armonizzano il tributo a quell’avvenimento e l’evoluzione del linguaggio musicale da allora ad oggi.

Gli artisti presi in considerazione rappresentano, nell’immaginario di Pietropaoli, le punte più significative di quei tre giorni, a volte per ragioni musicali, a volte di costume, a volte per come hanno rappresentato quel movimento culturale, tra gli altri : Santana, The Who, Janis Joplin, Joan Baez, Joe Cocker, Creedence Clearwater Revival, Sly And The Family Stone, Jimi Hendrix.

TRACKS:

1 SOUL SACRIFICE (C.Santana)
2 WITH A LITTLE HELP FROM MY FRIENDS (Lennon – McCartney)
3 PROUD MARY (J.Fogerty)
4 SEE ME FEEL ME/LISTENING TO YOU (P.Townshend)
5 SUMMERTIME (G.Gershwin)
6 HEY JOE (B.Roberts)
7 SWING LOW SWEET CHARIOT (W.Willis)
8 I WANT TO TAKE YOU HIGHER (S.Stone)
9 BACK HOME (E.Pietropaoli)

 

Jando Music è una factory
nata nel 2011 che produce dischi e spettacoli,
con il pallino della buona musica.
Seguici anche su